Saldi natalizi in corso!
🎁Guarda le nostre offerte per le festività qui 🎁

🎁 Saldi natalizi in corso! Guarda le nostre offerte per le festività qui 🎁

VENERDI' NERO - Fino a 50% di sconto Test, Ricariche & Integratori
Indice dei contenuti

HIV, concepimento e fertilità

È possibile avere un bambino se si è sieropositivi? In generale, la risposta è sì. Grazie ai progressi della medicina, molte persone con HIV conducono una vita felice e sana e possono diventare genitori se lo desiderano! Ma l'HIV ha un impatto sulla fertilità? È sicuro concepire naturalmente o è necessario ricorrere a trattamenti di fertilità assistita? Abbiamo qui tutto quello che c'è da sapere.  

 

L'HIV ha un impatto sulla fertilità?

C'è alcune prove che suggeriscono che l'HIV può avere un impatto sulla fertilità di uomini e donne. Per le donne, il virus può rendere più difficile la produzione di estrogeni e progesterone, entrambi ormoni importanti per la riproduzione. Questo non solo può avere un impatto sulla fertilità, ma può anche portare a una menopausa precoce. 

Per gli uomini, studi hanno dimostrato che i parametri spermatici, tra cui la motilità, la concentrazione e la morfologia, sono tutti significativamente compromessi nelle persone affette da HIV. I problemi di fertilità, sia per gli uomini che per le donne, sembrano essere correlati a una bassa conta dei CD4, il che significa che più l'HIV è avanzato e aggressivo, più è probabile che si abbia difficoltà a concepire.  

Che cos'è la conta dei CD4? 

Le cellule CD4 sono globuli bianchi che svolgono un ruolo importante nel sostenere il nostro sistema immunitario. La conta dei CD4 è il numero di queste cellule in un metro cubo di sangue. 

Per una persona non affetta da HIV, la conta dei CD4 è compresa tra 500 e 1500. Se avete l'HIV ma lo gestite con i farmaci, i vostri CD4 dovrebbero essere superiori a 500, il che significa che potete condurre una vita felice e sana! Tuttavia, se avete l'HIV e la vostra conta dei CD4 è inferiore a 300, potreste essere a rischio di sviluppare malattie gravi e al di sotto di 200 il medico probabilmente diagnosticherà che il vostro HIV si è trasformato in AIDS. 

 

Concepire naturalmente con l'HIV

Sebbene i problemi di fertilità non siano rari nelle persone con HIV, se siete in una coppia eterosessuale, concepire naturalmente non è impossibile! Fortunatamente, il preservativo non è più l'unico modo per proteggersi dall'HIV o per evitare di trasmetterlo al partner. 

Se avete una relazione sierodiscordante - quando uno dei due partner è sieropositivo e l'altro è sieronegativo - è probabile che stiate già assumendo farmaci per mantenere entrambi al sicuro. Questi farmaci vi aiuteranno anche a proteggervi se cercate di concepire naturalmente. 

Se si è sieronegativi, l'assunzione della PrEP - una pillola giornaliera - può ridurre il rischio di contrarre l'HIV di 99%se assunta come prescritto. Per le persone che vivono con l'HIV, la terapia antiretrovirale può ridurre la carica virale fino a renderla non rilevabile, il che significa che il rischio di trasmettere il virus è effettivamente nullo. 

Dopo aver iniziato la terapia antiretrovirale, la carica virale sarà probabilmente non rilevabile entro 6 mesi. Si raccomanda quindi di fare attenzione per altri 6 mesi - e di assumere comunque i farmaci prescritti - mentre il corpo dimostra di poter mantenere una carica virale non rilevabile. Dopo 12 mesi, se si registra ancora una carica virale non rilevabile e si continua a prendere il farmaco, il rischio di trasmettere l'HIV a un partner sessuale è quasi nullo. Si raccomanda che, se si vuole cercare di avere un bambino in modo naturale, ci si assicuri di essere non rilevabili per almeno 12 mesi.  

 

HIV e trattamento di fertilità assistita

Ci sono molte ragioni per cui potreste decidere di intraprendere la strada del trattamento di fertilità assistita e questi trattamenti sono ancora accessibili se vivete con l'HIV - se siete in una coppia eterosessuale (ma di questo parleremo più avanti). 

Se siete sieropositivi, ci sono modi per assicurarvi di non trasmettere il virus alla vostra partner, alla madre surrogata o al bambino durante il trattamento di fertilità assistita. In primo luogo, si raccomanda di sottoporsi sempre a una terapia antiretrovirale per ridurre la carica virale prima di intraprendere il trattamento; in effetti, è un prerequisito per molte cliniche di fertilità. 

Sia che ci si sottoponga a FIVET, ICSI o IUI, è necessario sottoporsi al lavaggio dello sperma. Si tratta di un processo che separa gli spermatozoi dal liquido seminale e consente ai medici di identificare e rimuovere il virus dal vostro sperma. Studi hanno dimostrato che il lavaggio dello sperma è incredibilmente efficace nel ridurre il rischio di trasmissione quasi a zero, quindi è un'opzione molto sicura. È possibile utilizzare lo sperma lavato anche per ICI (at-inseminazione domiciliare). 

 

Trattamenti di fertilità assistita, FIVET e coppie dello stesso sesso 

Mentre i trattamenti di fertilità assistita sono attualmente disponibili per le coppie eterosessuali in cui uno o entrambi i partner sono sieropositivi, purtroppo non è così per le coppie omosessuali. Nel Regno Unito non è consentito essere donatori di sperma o di ovuli se si è sieropositivi, e per le coppie omosessuali questo rappresenta un problema. 

Se siete due uomini che desiderano concepire, dovrete fornire lo sperma per una madre surrogata. In questo caso, la persona che fornisce lo sperma è tecnicamente classificata come "donatore", il che significa che se avete l'HIV non potrete sottoporvi al processo. Se siete entrambi di sesso femminile e volete usare gli ovuli di un partner ma impiantarli in un altro per portare avanti la gravidanza, anche questo viene classificato come donatore di ovuli (anche se la persona a cui state "donando" gli ovuli è il vostro partner) - e qui sta il problema. 

Naturalmente, se solo uno dei due è sieropositivo, è possibile sottoporsi a un trattamento di fertilità assistita utilizzando solo lo sperma o gli ovuli del partner sieronegativo. Tuttavia, questo limita le opzioni per le coppie in cui entrambi sono sieropositivi e significa anche che i partner sieropositivi non hanno modo di essere legati biologicamente al loro bambino. 

Considerando i progressi medici che possono ridurre il rischio di trasmissione dell'HIV praticamente a zero, questa legislazione sembra obsoleta e ingiusta e ha un impatto negativo sulla vita di innumerevoli persone che hanno l'HIV e vogliono diventare genitori. Il National Aids Trust sta attualmente lanciare una petizione per ottenere l'annullamento di questa legge. 

 

HIV e gravidanza 

È possibile trasmettere l'HIV a un bambino durante la gravidanza, il travaglio e l'allattamento. Tuttavia, ancora una volta, se si stanno assumendo farmaci che rendono la carica virale non rilevabile, la possibilità che ciò accada è molto bassa. Alcuni medici possono consigliare un cesareo per ridurre ulteriormente il rischio e alcune persone decidono di allattare il loro bambino una volta arrivato per ridurre ulteriormente la possibilità di trasmissione. Se siete incinte e positive all'HIV, il vostro team medico sarà in grado di consigliarvi la migliore linea d'azione per garantire a voi e al vostro bambino sicurezza e salute.

Test dello sperma ExSeed

Per saperne di più sul nostro dispositivo

Per saperne di più esplorare

Cerca