Saldi natalizi in corso!
🎁Guarda le nostre offerte per le festività qui 🎁

🎁 Saldi natalizi in corso! Guarda le nostre offerte per le festività qui 🎁

VENERDI' NERO - Fino a 50% di sconto Test, Ricariche & Integratori
Indice dei contenuti

Diventare madre single con lo sperma di un donatore

Dalla fecondazione in vitro alla maternità surrogata, ci sono tanti percorsi diversi per diventare genitori, e non sempre devono comportare una relazione sentimentale. Oggi condividiamo la storia di Katharina HornLa donna tedesca che ha preso in mano la maternità e ha avuto un figlio grazie a un donatore di sperma, e ora sostiene altre donne che fanno lo stesso. 

Il viaggio di Katharina verso la maternità

Katharina aveva circa trent'anni quando decise di realizzare il suo sogno di avere figli. All'epoca era single e non aveva idea del concetto di madre single per scelta: "non esisteva una parola per questo modello di famiglia nei Paesi di lingua tedesca", spiega. Tuttavia, sapeva di non voler accantonare il suo sogno di maternità solo perché non aveva un partner. "Un giorno un'amica è tornata dalla sua clinica della fertilità e mi ha suggerito di andarci perché ora trattano anche donne single", racconta Katharina. "Ho fissato un appuntamento e il concepimento è avvenuto molto rapidamente. Sono rimasta incinta dopo il secondo tentativo. Oggi il mio bambino ha 3 anni".

Se per Katharina la gravidanza è stata piuttosto rapida, per lei - e per altre madri single per scelta - il processo vero e proprio non è stato un successo immediato. Il percorso verso la maternità è pieno di considerazioni - prima, durante e dopo la gravidanza - e spesso manca il sostegno per aiutare le donne a percorrere questo viaggio. "Avevo molte domande prima di rimanere incinta e anche dopo, ma ho faticato a trovare persone che avessero delle risposte per me", spiega Katharina. Ho visitato diversi centri di consulenza, che mi hanno mandata via dicendo che non conoscevano questo tipo di situazione e nemmeno il mio medico della fertilità ha potuto aiutarmi a entrare in contatto con altre madri sole". A volte pensavo: "Se tutti mi mandano via e nessuno lo sa, è qualcosa che dovrei fare?". Ma per fortuna ho potuto riflettere sul mio percorso con amici che mi hanno sostenuto e aiutato a vedere i lati positivi".

Il potere della consulenza 

Quando Katharina ha sperimentato questa mancanza di supporto professionale, ha avuto l'ispirazione di creare la sua attivitàdove offre consulenza alle future madri sole e alle donne che stanno pensando di diventare genitori soli. "La consulenza psicosociale è molto importante per tutti coloro che sono coinvolti nella donazione di sperma, e non solo perché è un requisito per molte cliniche della fertilità", dice Katharina. "Questo tipo di consulenza non serve a valutare se si è un buon genitore, ma piuttosto a riflettere sulla propria prospettiva e a prepararsi ad affrontare gli ostacoli che ci attendono". 

Katharina scopre che le donne che si rivolgono a lei hanno spesso bisogno di aiuto per esaminare i loro precedenti presupposti sulla maternità, in modo da poter essere pienamente d'accordo con la loro decisione di andare avanti da sole. Ci sono molte barriere emotive da superare, e affrontarle con l'aiuto di un professionista può metterle in condizione di andare avanti con la loro decisione con maggiore sicurezza. "Accettare una donazione esterna di sperma è onestamente un argomento molto, molto complesso e ci sono così tante questioni da considerare: l'educazione del bambino, il rapporto con l'ambiente, i fratellastri, il ruolo del donatore e, soprattutto, la prospettiva del bambino oltre al desiderio di avere figli", dice l'autrice. "Alla fine, è una cattiva idea intraprendere questa strada se nel profondo non si è totalmente d'accordo con questo modo di creare una famiglia, quindi è un aspetto che cerco di aiutare". 

Il tabù che circonda la genitorialità single e l'uso di sperma di donatori è un altro motivo per cui la consulenza può essere davvero utile durante questo processo. "Decidere di essere una madre single comporta molti pregiudizi e stigmatizzazioni: ci sono ancora molte persone che hanno in testa un modello di famiglia eteronormativa molto tradizionale", spiega Katharina. "Se una persona decide di scegliere un percorso diverso da questo, la consulenza può aiutare a prepararsi ad affrontare questi ostacoli e opinioni: se la propria mentalità è forte, si può affrontare qualsiasi cosa". 

Trovare il donatore giusto

Aside from the emotional tests facing women wanting to go down the solo-parenting route, there are also many unique practical considerations. From organising finances and daycare without the help of a partner, to deciding how to explain the situation to their child as they grow up – there are various things to think about. However, right at the start of the journey, one of the biggest decisions is how you actually want me to make your baby. There are a couple of different options when it comes to donor sperm, and in a world where we are rarely taught about assisted fertility until we need to use it, this can be an overwhelming time for a solo-mum to be – and is another area that Katharina advises on. 

"Prima di tutto, bisogna chiarire il ruolo del donatore: si tratta di un donatore di sperma o di un co-padre? O qualcosa di intermedio?". Spiega Katharina. "È molto importante stabilire accordi e regole prima di avere un bambino con qualcuno con cui non si ha una relazione, a prescindere da come ciò avvenga". Per alcuni l'idea di usare un donatore privato è preferibile, perché offre la possibilità sia alla madre che al bambino di conoscere e avere un rapporto con il padre biologico. "Molti scelgono di ricorrere a una donazione privata di sperma perché amano l'idea di poter avvicinare e contattare una persona. Questo è sicuramente un vantaggio rispetto alla scelta di una banca del seme". Allo stesso modo, la co-genitorialità, in cui si decide di concepire e crescere un bambino con una persona con cui si ha un rapporto stretto, offre la stessa opportunità di creare un'unità familiare unica ma affettuosa. Tuttavia, Katharina mette in guardia dai rischi che si corrono seguendo la via privata. "Anche se ci sono risultati decisamente positivi, ho sentito alcune storie negative riguardanti i donatori di sperma privati: da donne che subiscono pressioni per avere rapporti sessuali a scoperte di aver generato centinaia di bambini senza dirlo prima alla madre!". 

Tutela dei diritti

La mancanza di sicurezza legale è un'altra ragione per cui Katharina incoraggia le donne a riflettere attentamente sulle donazioni private di sperma. "Parlando con molte madri sole, ho sentito spesso che le esigenze possono cambiare dopo il parto, ad esempio il padre può improvvisamente chiedere di riconoscere la paternità. Questo può portare a situazioni molto critiche dopo una donazione privata di sperma". Per Katharina, i vantaggi dell'utilizzo di dsperma di una clinica superano gli aspetti negativi. "Quando si ottiene lo sperma da una clinica, si sa che è sicuro, che è stato testato per le IST e che anche la qualità è stata controllata", dice l'esperta. "Inoltre, si sa se il numero di figli che possono essere generati con quello sperma è limitato". 

La questione dell'anonimato è ancora qualcosa che a volte scoraggia le donne dall'utilizzare lo sperma di un donatore, ma le regole in materia cambiano continuamente. "Ritengo che la legge sul registro dei donatori di sperma, attuata nel 2018, svolga un ruolo importante nel far sì che le donne si sentano più positive nei confronti del ricorso al seme di un donatore", spiega Katharina. "La legge prevede che i dati di contatto del donatore siano archiviati a livello centrale e che il bambino concepito tramite donazione di sperma abbia accesso ai dati di contatto del donatore all'età di 16 anni. Inoltre, la paternità legale di un donatore è esclusa se la donazione avviene tramite una clinica della fertilità e una banca del seme. Questo non solo fa sentire più a proprio agio le future madri single, ma significa anche che sempre più medici si offrono di trattare le future madri single e che i donatori sono più disposti a donare lo sperma".  

Mamme felici = bambini felici 

Anche se il viaggio della maternità single non è sempre facile, è importante ricordare che può portare tanta gioia e felicità e che il fatto di essere single non significa essere soli. Per Katharine, avere una famiglia che la sostiene e trovare una rete di altre madri single è stato incredibilmente potente e l'ha aiutata a diventare la madre meravigliosa che è oggi.

"Per fortuna la mia famiglia mi ha aiutato a superare tutti i miei dubbi e le mie preoccupazioni", racconta la donna, "temevo di essere giudicata dagli altri o di subire reazioni negative, ma i miei amici continuavano a dirmi: "È fantastico che tu lo stia facendo, ti sosteniamo. Sei così coraggiosa" e mi sento così grata per questo". "Poi ho incontrato altre madri sole per la prima volta, è stato fantastico. Ho avuto l'opportunità di porre tutte le mie domande e di formare una rete forte", spiega. "So che molte madri sole si sentono molto sole, soprattutto all'inizio, ed è per questo che gli incontri comunitari fanno parte della mia offerta come consulente". 

In definitiva, per ogni madre la priorità è sempre il benessere dei propri figli, anche prima della loro nascita o del loro concepimento! Katharina crede - e lo sa per esperienza personale - che i bambini nati da madri single che utilizzano lo sperma di un donatore possano essere incredibilmente felici e sani, e un altro grande esempio è il lavoro di Emma Grønbæk alias Bambina donatrice. "La consapevolezza che i figli di madri sole si sviluppano in modo sano ha contribuito a creare un'immagine più positiva della maternità sola, il che è fantastico!", afferma Katharina. "Oggi sappiamo che l'apertura e l'educazione precoce, così come il diritto del bambino di conoscere le proprie origini, sono molto importanti. In questo modo, il bambino cresce in un ambiente sicuro e autentico, in cui è amato".

Test dello sperma ExSeed

Per saperne di più sul nostro dispositivo

Per saperne di più esplorare

Cerca