Saldi natalizi in corso!
🎁Guarda le nostre offerte per le festività qui 🎁

🎁 Saldi natalizi in corso! Guarda le nostre offerte per le festività qui 🎁

VENERDI' NERO - Fino a 50% di sconto Test, Ricariche & Integratori
Indice dei contenuti

MST e fertilità maschile: qual è il legame? 

Si parla molto di salute sessuale e fertilità femminile, ma che dire delle IST e della fertilità maschile? Qui parleremo di alcune delle più comuni infezioni sessualmente trasmissibili e di come possono influire sulla salute dello sperma e sulla fertilità futura. 

Le IST possono avere un impatto sulla fertilità maschile?

In parole povere, sì, soprattutto se non vengono trattate. Si ritiene che le IST abbiano maggiori probabilità di causare infertilità nelle donne - ed è vero - ma non per il motivo che si potrebbe pensare. Le IST negli uomini hanno maggiori probabilità di mostrare sintomi difficili da ignorare, il che significa che in genere vengono trattate più rapidamente prima che possano fare molti danni. Per le donne, invece, molte MST sono praticamente asintomatiche, il che significa che, senza controlli regolari della salute sessuale, possono rimanere non diagnosticate e non trattate per anni. 

La verità è che le IST possono causare problemi di fertilità, sia che si manifestino i sintomi o meno, quindi la cosa migliore da fare è usare la protezione e sottoporsi a controlli regolari. Ora ci tuffiamo nelle MST più comuni - protezione a portata di mano! 

Clamidia

La clamidia è probabilmente l'IST più comune di tutte, che colpisce milioni di persone all'anno. Per le donne, un caso di clamidia non trattato può portare alla malattia infiammatoria pelvica che può avere un impatto reale sulla fertilità, ma anche gli uomini non sono da meno! 

Studi hanno indicato che gli uomini affetti da clamidia sono a maggior rischio di frammentazione del DNA. La frammentazione negli uomini positivi alla clamidia o al micoplasma era 3,2 volte più alta rispetto a quelli che non erano entrati in contatto con il virus. 

Questo non significa che se avete o avete avuto la clamidia, la vostra fertilità sarà sicuramente compromessa: l'importante è prenderla in tempo. Gli uomini hanno più probabilità delle donne di manifestare i sintomi dell'infezione, che di solito si manifestano circa 1-3 settimane dopo il contatto con l'infezione. Si possono notare dolore alla pipì, dolore ai testicoli o perdite bianche, torbide o acquose dalla punta del pene. Tuttavia, solo la metà degli uomini manifesta i sintomi, quindi è fondamentale tenere sotto controllo la propria salute sessuale! 

Herpes

L'herpes è un'IST molto comune e molto difficile da spostare, eppure c'è ancora una grande lacuna nella ricerca sull'impatto che questa particolare IST può avere sulla fertilità maschile. A studio su piccola scala ha rilevato che gli uomini affetti da HSV-1 (herpes orale) e HSV-2 (herpes genitale) sembrano mostrare una riduzione del numero di spermatozoi, ma sono necessarie ulteriori ricerche. 

A differenza di patologie come la clamidia, che possono essere risolte con un breve ciclo di antibiotici, una volta contratto l'herpes il virus rimane in circolo. Tuttavia, esistono farmaci che possono aiutare a gestire il virus, riducendo i focolai e il rischio di trasmissione. Questo è importante perché, sebbene non sia ancora chiaro il legame tra l'herpes e l'infertilità maschile, sappiamo che può essere estremamente dannoso per i neonati. Se una donna viene infettata dall'herpes durante la gravidanza, può trasmetterlo al bambino durante il travaglio e in alcuni casi può essere fatale. 

Se siete affetti dal virus dell'herpes e state cercando di avere un bambino, dovete fare molta attenzione a non trasmetterlo alla vostra partner femminile. Parlate con il vostro medico di famiglia del modo migliore per ridurre la trasmissione e il rischio. 

Gonorrea

La gonorrea può essere una malattia sessualmente trasmissibile davvero subdola, poiché i sintomi spesso non si manifestano fino a un mese dopo! Se e quando si manifestano, possono essere piuttosto spiacevoli: fate attenzione alle perdite gialle o verdi dal pene, alla sensazione di bruciore quando fate pipì e al prepuzio gonfio (ahi...).

Per quanto riguarda la salute degli spermatozoi, non ci sono molte ricerche che indichino che questa IST abbia un impatto massiccio sulla fertilità maschile. Tuttavia, può causare alcune condizioni legate all'infertilità, in particolare l'uretrite. L'uretrite è fondamentalmente un'infiammazione dell'uretra, il tubo che trasporta lo sperma dai testicoli e l'urina dalla vescica (probabile responsabile del dolore bruciante quando si va in bagno!) Può anche scatenare l'epididimo-orchite, un'infiammazione dell'epididimo (un condotto dietro i testicoli) e/o dei testicoli stessi. 

Con tutte queste potenziali infiammazioni che si verificano nella vostra zona di creazione di un bambino, non sorprende che ci possano essere effetti a catena sulla vostra fertilità, anche se è necessario fare molte più ricerche, una piccolo studio indica un legame tra l'uretrite indotta dalla gonorrea e l'epididimo-orchite e la cattiva salute dello sperma. Nello studio, uomini precedentemente fertili sono stati esaminati 2 anni dopo aver contratto l'infezione e l'infiammazione associata. Solo 40% dei partecipanti avevano uno sperma che sarebbe stato classificato come sano. 

HIV

Anni fa, una diagnosi di HIV significava che avreste lottato per sopravvivere, figuriamoci per diventare padre, ma per fortuna oggi questo è ben lontano dalla verità. Grazie ai progressi della medicina, oggi è possibile vivere una vita felice e sana con l'HIV, e questo può anche significare creare una famiglia. 

Una preoccupazione per alcune persone affette da HIV è la trasmissione dell'infezione durante i rapporti sessuali non protetti. Sebbene con farmaci come la PrEP il rischio di trasmissione sia ridotto praticamente a zero, se avete una partner femminile potreste essere preoccupati di trasmettere l'infezione mentre cercate di concepire. 

In questo caso, i trattamenti di fertilità assistita possono aiutarvi nel vostro percorso verso la genitorialità! Il lavaggio dello sperma può rimuovere gli spermatozoi dal liquido seminale (il virus dell'HIV si trova nel liquido e non negli spermatozoi stessi) e quindi utilizzare gli spermatozoi nella FIV o nella IUI. Uno progetto di ricerca ha dimostrato che in oltre 10.000 cicli di fecondazione in vitro con seme lavato e con un partner maschile affetto da HIV, non c'è stata alcuna trasmissione del virus! 

Per quanto riguarda la fertilità maschile e l'HIV, ci sono alcuni aspetti da tenere presenti. In primo luogo, mentre la maggior parte della ricerca medica indica che l'HIV di per sé non causa infertilità, ci sono prove che suggeriscono che il trattamento dell'HIV potrebbe farlo. I ricercatori hanno scoperto che gli uomini affetti da HIV trattati con farmaci presentano una riduzione della conta, della motilità e del volume. Ovviamente la vostra salute è fondamentale, quindi non rifiutate assolutamente il trattamento per dare priorità alla salute del vostro sperma! Tuttavia, potrebbe valere la pena di tenere sotto controllo l'andamento dei vostri spermatozoi, o magari di congelare lo sperma prima di iniziare il trattamento. 

Come proteggersi dalle IST

Come per tutte le cose che riguardano la pianificazione familiare, è fondamentale essere lungimiranti e proattivi, ed è per questo che è importante prendersi cura della propria salute sessuale prima di diventare padre, il che significa usare protezioni. Ora, potrebbe sembrare controproducente che un'azienda che si occupa di fertilità vi dica di usare il preservativo, ma come dimostra la ricerca di cui sopra, esiste un legame preciso tra le IST e la fertilità maschile. Se non state cercando attivamente un figlio in questo momento, il preservativo è il modo migliore per proteggervi dalle infezioni sessualmente trasmissibili e dalla gravidanza. 

L'altra cosa fondamentale è sottoporsi regolarmente ai test, soprattutto se si hanno più partner sessuali. Può essere scoraggiante farsi controllare, ma se si è affetti da qualcosa significa che si può essere curati subito, il che è altrettanto importante. La stragrande maggioranza delle IST non influisce sulla fertilità maschile se le si prende e le si cura tempestivamente e spesso si risolve con un ciclo di antibiotici. 

 

La stragrande maggioranza delle MST non influisce sulla fertilità maschile se vengono prese e trattate precocemente e spesso si risolvono con un ciclo di antibiotici. Chiamate il vostro medico non appena avete il sospetto di essere stati contaminati o se avete qualche sintomo di infezione. È meglio chiamare una volta di troppo che pentirsene in seguito!".

Dr. Fatin Willendrup, responsabile degli affari medici di ExSeed Health

 

Come tenere sotto controllo la propria fertilità 

Se state leggendo queste righe e temete che una precedente IST possa aver influito sulla vostra fertilità, non stressatevi. Così come è facile controllare la vostra salute sessuale, potete anche verificare la salute del vostro sperma in modo rapido e semplice. Il nostro test dello sperma a casa significa che potete conoscere i vostri nuotatori e controllare se la motilità e la conta sono normali, il tutto comodamente da casa vostra. 

Test dello sperma ExSeed

Per saperne di più sul nostro dispositivo

Per saperne di più esplorare

Cerca